In occasione della “Settimana del Cervello 2019” promossa dall’Associazione A.ce.a e da Cils Cesena – contestualmente al  livello nazionale con l’Associazione Hafricah –  al Teatro Verdi si è tenuto domenica 17 marzo il monologo “Linguaggio, Memoria, Poesia – Percorso di sensibilizzazione sul tema delle disabilità acquisite” con il poeta e narratore Roberto Mercadini.

Lo spettacolo ha visto la collaborazione tra Roberto Mercadini e le persone che frequentano il laboratorio A.Ce.A e Cils – aprendo una nuova possibilità di cooperazione dove linguaggio, poesia e cervello contribuiscono all’integrazione sociale delle persone che hanno subito una lesione cerebrale – è stato introdotto da Gianfranco Valzania, presidente A.ce.a., Giuliano Galassi, presidente Cils, con il coordinamento del giornalista Cristiano Riciputi.

Lo spettacolo esamina l’importanza della società nello sviluppo futuro del cerebroleso: molti di loro hanno vergogna a mostrarsi come sono e, quindi, corrono il rischio di progredire nello svantaggio. Spiegando il progetto, Mercadini ha dichiarato di essersi trovato a confronto con realtà che non conosceva: “Sono stati momenti profondi che mi hanno arricchito non solo come attore, ma come uomo. Essendo situazioni che possono capitare a tutti, mi auguro che si realizzi presto un vera educazione civica nei confronti di questi cittadini per sapere come comportarsi ed offrire una terapia sociale che non potrà che essere di grande giovamento. Spero che il mio monologo possa dare un contributo in questo campo”.